INSIEMI #7 | Aprile 2023


risorse intelligenti per la scuola

NEWSLETTER #7 – APRILE 2023

Abbiamo davanti a noi qualche ponte per staccare un po’ ūüėé

Ne approfittiamo per proporvi alcuni argomenti in apparenza contrastanti e che necessitano di una riflessione pi√Ļ calma.

Possiamo sottrarci all’uso dei nuovi media?

No, soprattutto se ci occupiamo di comunicazione e se parliamo con le nuove generazioni. Questo non vuol dire che questi media debbano essere abbracciati acriticamente o utilizzati senza una strategia che porti a valorizzare i contenuti che vogliamo veicolare.

Ecco la selezione di approfondimenti del mese di aprile:

  • Smartphone,¬†social media: la¬†salute mentale¬†dei bambini √® in pericolo?
  • Creare¬†contenuti per la Gen¬†Z:¬†una sfida che possiamo vincere
  • Creare una relazione con il prospect: idee per un¬†follow¬†up strategico

Smartphone, social media: la salute mentale dei bambini è in pericolo?

Se tra il 1994 e il 2010, la percentuale di adolescenti britannici che¬†non si considerano simpatici¬†era scesa leggermente (dal 6% al 4%), dal 2010 ad oggi √® pi√Ļ che raddoppiata. Anche la percentuale di¬†chi si considera un fallito, di¬†chi si preoccupa¬†molto e di¬†chi √®¬†insoddisfatto¬†della propria vita ha subito un forte incremento. Oltreoceano, il numero di studenti delle scuole superiori statunitensi che affermano che la loro vita √® spesso priva di significato √® salito alle stelle negli ultimi 12 anni. Anche in Francia,¬†i tassi di depressione tra i 15 e i 24 anni sono quadruplicati¬†nell’ultimo decennio.

Smartphones and social media are destroying children’s mental health

Questi sono alcuni dati riportati dal Financial Times (e segnalatoci da Matteo) che in questo articolo afferma come gli smartphone e i social media stiano distruggendo la salute mentale dei bambini.
Depressione, ansia, senso di inferiorit√†, tasso di suicidi… i numeri riguardo a questi fatti e stati mentali stanno avendo un’impennata in questi ultimi anni e i grafici riportati in questo articolo mettono i brividi.

Lo smartphone, non inteso come fotocamera, telefono o riproduttore musicale, andrebbe vietato fino ai 14/16 e poi usato sempre e solo dopo una adeguata formazione e settaggio del device” ci dice Matteo. “E la formazione ¬†andrebbe fatta anche ai genitori. Forse conoscere dati come questi potrebbe spingerli all’azione“.

ūüĎȬ†Leggi l’articolo

Creare contenuti per la Gen Z: una sfida che possiamo vincere

Progettare contenuti per le nuove generazioni è una grande sfida per chi si occupa di comunicazione e per chi comunica a scuola.

Creating Content for the Gen Z Design Aesthetic

In questo articolo Edoardo ha trovato diversi spunti interessanti su come progettare dei contenuti che siano attraenti per la Gen Z:

  • Introducete un personaggio simpatico
  • Sfruttate il potere della nostalgia
  • Evocate la nostalgia con la tipografia
  • Comprendete il ruolo degli influencer
  • Rendete i contenuti personalizzabili e collaborativi
  • Mettete i valori in primo piano
  • L’autenticit√† regna sovrana

Seguite il consiglio di Edoardo: “A mio parere gli ultimi 3 punti sono quelli su cui riflettere maggiormente quando si crea un contenuto per le nuove generazioni: essere il pi√Ļ¬†autentici¬†possibile, fondare la comunicazione sui¬†valori¬†e creare esperienze che tengano conto allo stesso tempo dell’individualit√† e della¬†personalizzazione¬†da un lato e del desiderio di¬†compartecipazione¬†nel creare i contenuti dall’altro“. Siete d’accordo?

ūüĎȬ†Leggi l’articolo

Creare una relazione con il prospect: idee per un follow up strategico

Immaginiamo di essere in periodo Open Day, e di sapere che un prospect ha dimostrato interesse verso la nostra realtà scolastica. Cosa facciamo? Di sicuro non ci fermiamo qui, ma dobbiamo pensare a come alimentare la sua curiosità, il suo interesse e il suo entusiasmo per portarlo poi definitivamente a scegliere noi.

Consigli per l’Email Marketing

Noi sottolineiamo spesso¬†l’importanza del concetto di “follow up”¬†(in gergo marketing), cio√® dare seguito alla conversazione. Un modo per farlo √® inviando alla persona interessata delle¬†e-mail che contengano contenuti preziosi per facilitare la sua scelta.

Facciamo qualche esempio:

  • dare informazioni rilevanti sulla sua potenziale carriera futura
  • descrivere l’approccio e i metodi di apprendimento
  • evidenziare le borse di studio o le opportunit√† di aiuti finanziari
  • mettere in luce i diversi indirizzi o le diverse facolt√†
  • parlare della comunit√† della tua scuola, raccontare le storie degli studenti e le loro testimonianze

Non basta ottenere lead ma occorre creare una relazione per fargli comprendere le opportunit√† dietro il proprio corso di studi“. Ben detto, Andrea!

ūüĎȬ†Leggi l’articolo

Dal Blog

C’√® una novit√† dal nostro blog! Quando non hai modo di leggere gli¬†articoli¬†oppure se preferisci i podcast,¬†puoi decidere di ascoltarliūüĎā

In macchina, in treno o mentre prendi un caff√®: clicca su play, prova! ūüéß

Gli approfondimenti di Ilenia:

ūüĎȬ†Come gestire aule difficili

Gestire aule difficili è una delle maggiori preoccupazioni dei docenti: attività specifiche, app e sussidio dello psicologo possono aiutare nel risolvere il problema

ūüĎȬ†Come parla la Gen Z

I social media diffondono velocemente slang e codici linguistici che premiano l’immagine e penalizzano il lessico, anche a scuola, dove il fenomeno va contrastato

ūüĎȬ†Ci sono differenze fra le aspettative degli universitari americani e italiani?

Confronto fra sogni e motivazioni, nella fase di pianificazione della scelta universitaria, tra gli studenti statunitensi e quelli del nostro Paese

Non perderti le ultime novità dal mondo Education!

Iscriviti alla nostra newsletter

Host Consulting srl - Via F.lli Recchi, 7 22100 Como - P.IVA 01434150197 | © 2023 | Privacy Policy - Cookies Policy
expand_less